venerdì 30 novembre 2007

Che gente maleducata!!!

Apparte che chi vi dice che era una lei? E poi a me sembra park ad hoc ... è che voi uomini (perchè sicuro il vandalo era uomo) vedete l'auto come un'estensione della vostra virilità e per principio una donna in auto è un disastro, avete paura di perdere quel poco di mascolinità che vi rimane? Beh mica si misura così ...



giovedì 29 novembre 2007

E' arrivato il Natale!!!!

Oggi mi ero ripromessa di non scrivere nulla, ma ho un annuncio troppo importante da fare!!!!

E' iniziato il natale!!! a sorpresa ho ricevuto il mio primo regalo di Natale, il regalo più bellissimo che sicuramente riceverò da qui a fine anno; non so chi sia l'artefice ma sono tanto felice... (grazie)

Per conto mio, quest'anno mi sono presa prima e ho già fatto tutti i regali!!! già già... mi sono messa d'impegno, ci ho perso circa 2 giorni di lavoro, ma ora sono tanto felice!

Manca solo l'albero e il presepio e il Natale è qui!


martedì 27 novembre 2007

WHY... Be extraordinary when you can be yourself

Di: Daniel Ezralow e Arabella Holzbog
Musiche: The Beatles, Big Bad Voodoo Daddy, Cherry Poppin’ Daddies, Ludovico Einaudi, Lesley Gore, Gorillaz, Buddy Guy & Junior Wells, David Lang, Alanis Morissette, Le Mystère des Voix Bulgares, Sigur Rós, U2, Vangelis, Thom Willems
Costumi: Elena Mazzoli, Alessandra Robbiati
Regia: diretto e coreografato da Daniel Ezralow
Produzione: AGR Associati
Interpreti: Erin Elliot, Marcus Bellamy, Djassi Dacosta Johnson, Santo Giuliano, Tyler Gilstrap, Anthony Heinl, Jeremy Hudson, Roberta Miolla, Ryan Novak, Jessica Vilotta


Perché essere straordinario quando puoi essere te stesso? Daniel Ezralow, una delle menti più geniali della danza contemporanea, ha lavorato a lungo su questa riflessione, fino a farne il titolo e il cuore del suo ultimo spettacolo: fino a farla diventare arte.

Uno spettacolo emozionante: una regia perfetta, contributi tecnologici e scenografici assolutamente innovativi e dei ballerini splendidi, fisicamente e artisticamente.
Un racconto che partendo dal quotidiano, attraverso il sacro e il profano alla fine giunge alle più alte riflessioni sul senso della vita; in un tutt'uno ben orchestrato, che davvero trasmette la giogia della scoperta o riscoperta di se stessi.
La frenensia della metropoli, la standardizzazione degli esseri umani nel grigio del quotidiano; vizi e virtù degli uomini: la religione, l'amore, la passione, il gioco...La vita di tutti giorni quale punto di partenza. Da qui, inaspettato, uno slancio intellettivo, che si percepisce dal cambio di musiche, coreografie e colori; passando attraverso la filosofia buddista (il senso delle piccole cose, la divinità che è dentro di noi, etc.) espressa anche dalle citazioni di testi di A. Morissette, si giunge alla liberazione materiale e morale di sè stessi: la gioia di vivere! movimenti aperti, vitali, energici, vesti bianche svolazzanti e senso di liberazione diffuso. Non so se la scenografia è caduta o era previsto da copione, in ogni caso è stata la degna conclusione di questa riflessione danzata!
Ora sono curiosa di sentire il parere dell'ing. Luca...

lunedì 26 novembre 2007

Quel mazzolin di fiori

E' una settimana che mi tengo dentro questa love story, ora ho deciso di fare outing!

Sì perchè qualsiasi donna, anche la più cinica e femminista, ha un animo gentile e tanta voglia di romanticismo; l'imput a questo post viene da radio deejay (che mi tiene tanta compagnia...).
Giov sera in trasmissione telefona Daniele (il mio nuovo mito), un operaio 33enne che ha da poco conosciuto una ragazza al corso di latino americano (ancora di più un mito); tra loro c'è un certo feeling e lui ha deciso di dichiararsi, di buttarsi, andando in orario di chiusura dove la ragazza lavora per invitarla ad uscire.
Il consiglio di La Pina, che io appoggio in pieno, è stato di presentarsi con un mazzolino di fiori non pretenzioso dicendo "Hey bambola a che ora smonti?!"

La mia considerazione a caldo è stata, con il rischio anche di andare fuori strada: che bello! anch'io voglio!

Considerazione a freddo: per fortuna che esistono ancora uomini così, che non hanno paura di osare e soprattutto fanno gli uomini; e che bello sapere che anche a 33 anni ci si può ancora innamorare.

Seguito: il tipo è andato davvero al negozio con i fiori, lei è rimasta OVVIAMENTE piacevolmente sorpresa ma ha dovuto declinare l'invito, perchè aveva già un altro impegno...
ma come si fa? PAZZA!!!! Ma siamo fuori? non si può dire di no ad unge sto simile, vado io piuttosto.

Beh non so com'è andata a finire, ma molto tristemente mi trovo a concludere: gli uomini non sono più uomini, ma noi donne quanto stupide siamo? come si fa a dire di no "ho un altro impegno", di fronte ad un gesto simile? Mi duole dirlo, ma non c'è da meravigliarsi se poi questi giovini d'oggi han paura di farsi avanti con noi donzelle!


Forza Gigi ce la puoi fare!

martedì 20 novembre 2007

Saranno Famosi ...

Grazie Grazie, Grazie a tutti!

Il mio articolo su MyMarketing.net "Pubblicità on line sempre più esperienziale" ha totalizzato ben 532 click! Circa 100 credo siano miei e altrettanti sono frutto della possente campagna spamming che ho messo in atto tra i miei contatto mail, in ogni caso come primo risultato direi che è più che buono.

Nei prossimi giorni forse mi pubblicheranno un altro estratto, ancora non so quando ma tranquilli che vi avviso tutti e ovviamente cliccate cliccate cliccate!

http://www.mymarketing.net/agora/editoriali/contributi/dettaglio_articolo.asp?a=21&s=87&i=2330

E' arrivato il Natale!

Domenica mi sono fatta un giro di ricognizione per negozi e strade alla ricerca delle nuove tendenze del Natale 2007, alla fine la vera novità l'ho scoperta in ufficio: il Babbo Natale che sfida le leggi della fisica!

lunedì 19 novembre 2007

Senza Internet cucino!

Il destino sembra mettersi apposta contro di me e testare la mia resistenza alla solitudine (fisica e non morale, tranquilli!): domani mi tolgono Fastweb!

Non mi dispiace tanto per il web, che tanto ce l'ho a lavoro, quanto per il telefono! Non potrò più fare (e forse neanche ricevere) LUUUUUNGHE telefonate con le amiche lontane...

... sig sig ...

Mi toccherà darmi alla vita notturna per non pensarci!
Iniziamo subito e ripristiniamo l'abitudine cena (nel senso che invito gente a cena); a tale proposito ho una riccetta carina, veloce e strabuona da proporvi: CROSTINI CON RADICCHIO DI TREVISO.

- tagliare il radicchio a cubetti e farlo andre in padella con un po' di burro, sale e pepe qb;
- tostare il pane nel forno;
- adagiare il radicchio caldo sul crostinone;
- adagiare sopra il tutto una fettona di crudo dolce e scaglie di grana.

Buon appetito!

domenica 18 novembre 2007

Ricciotto!!!!!

Ieri salendo a S. Giusto ci ha attraversato la strada un ricciotto...piccolo e tenerissimo, allora io da brava mamma riccia sono scesa, lo inseguito, gli ho chiesto come andava (confesso di averlo anche un po' importunato perchè l'ho preso in braccio facendo versi strani) e alla fine l'ho salutato amorevolmente!

venerdì 16 novembre 2007

Buon WeekEnd!!!!

Finalmente il weekend è arrivato, ma personalmente un po' mi dispiace andare via dall'ufficio...non perchè sono stacanovista, ma perchè mi viene un po' di tristezza a chiudere un'altra settimana da sola...

Baci a tutti!

giovedì 15 novembre 2007

Ke giornatina...

Quando la sfiga ti si attacca addosso non c'è verso di mandarla via, anche con le più buona volontà non c'è verso!

La mia settimana è iniziata malissimo: a lavoro non troppo bene (fortuna che i colleghi sono meravigliosi); i miei problemini di salute rimangono tali perchè la risposta della dermatologo è stata "ci devi convivere"; martedì speravo di sfogarmi a danza ma non ce l'ho fatta...40' a cercare park, bestemmiando in tutte le lingue, e alla fine era troppo tardi per andare a danza; aprendo la dispensa ho scoperto che la mia cena (sigillata) aveva fatto la muffa e, infine, le ho anche sentite dalla russia con amore "perchè se non ci sono io non siete capaci a fare niente". Senza contare, poi, che sono in quei giorni di depressione cronica misto malessere fisico/psichico diffuso.
Ieri ho deciso di infischiarmene della sfiga e convincermi che la giornata sarebbe stata migliore, pensavo quasi di aver esorcizzato il male arrivando a danza adirittura in anticipo...
Con il sorriso sulle labbra, l'accoglienza in classe è stata "non riuscirai mai a venire vestita decentemente?Mica si direbbe che sei una ballerina (avevo anche messo il body bianco!)", "Questo culotto non va, bisognerebbe tagliare un pezzo: dieta!" e infine, nel tentativo di dimostrare quanto sono brava, sono rimasta bloccata con la schiena! (APPLAUSI!!!)

ORA BASTA, ORMAI LA SETTIMANA E' FINITA MA MI SONO ROTTA!

Npn aspetto altro che qqualcuno mi dica qualcosa e gli vomito addosso tutta la tensione della settimana, non aspetto altro! (fanculo la diplomazia!) e aspetta che torno a TS, la prima macchina che si azzarda a sfiorare il clacson la ribalto! OGGI MORDO!

lunedì 12 novembre 2007

La Variante di Luneburg a teatro

Dal romanzo di Paolo Maurensig
Musiche: Valter Sivilottie testi delle canzoni di Paolo Maurensig
Interpreti: Milva e Walter Mramor
Al pianoforte Valter Sivilotti, soprano solista Franca Drioli, ai sassofoni Marco Albonetti con Coro e Orchestra ARS Atelier diretto dal M° I. Laurensic

Un progetto teatrale tutto friulano, nato dalla collaborazione di diversi artisti della Regione e solo per questo varrebbe la pena andare a vederlo; ancor più, però, vale senza dubbio la pena leggere il libro, che non è affatto impegnativo ed è eccezionale. Anzi se decidete di andare a teatro, PRIMA leggete il libro!

Personalmente sono andata a teatro spinta dalla curiosità di vedere la resa del libro sulla scena e devo dire che la scelta di evocare l'opera letterale attraverso la musica e alcune citazioni ha permesso davvero di rivivere la lettura, evitando la delusione che di solito si ha quando si va a vedere un film o uno spettacolo tratto da un libro di successo.
Devo confessare però, con un po' di vergogna, che ben poco è emerso del libro di Maurensig, quasi del tutto offuscato dalla presenza di Milva: vera stella della serata!
Da ignorante quale sono non sapevo nulla di questa artista, se non ciò che di recente si è visto in tv; invece ho scoperto una regina della scena, eclettica e capace. Una diva come ormai non ce ne sono più, una voce vibrante di emozioni e sensazioni; se non fossi stata in 2^fila avrei serie difficoltà ad affermarne la reale esistenza.

lunedì 5 novembre 2007

PETER PAN IL MUSICAL

Sabato scorso è ufficialmente iniziata la mia stagione teatrale al Rossetti con l'inedito musical Peter Pan, per la regia di Maurizio Colombi e direzione artistica di Arturo Brachetti.



Un evento che i mass media profilavano come unico e imperdibile; non è stato assolutamente come me lo aspettavo, ma non mi ha deluso quanto stupito.

Mi aspettavo un'interpretazione fedele al romanzo e di impronta assolutament teatrale, mentre si è trattato di un rifacimento dell'omonimo film disney, pensato per un pubblico giovane, anzi giovanissimo; carini gli effetti speciali, davvero divertenti le coreografie e la mimica, imperdibile l'atmosfera sognante che hanno saputo creare, complice la Mulino Bianco e il cielo stellato del Rossetti.

*** SECONDA STELLA A DESTRA / QUESTO E' IL CAMMINO / E POI DRITTO FINO AL MATTINO ***

Le stelle sono il filo conduttore dello spettacolo e punto di unione tra spettacolo teatrale e promozionale.

La favola inizia ancor prima di entrare in sala: sulla scalinata del teatro, troneggiavano come fronde d'alberi le vele sponsor di Pan di Stelle, all'ingresso in sala, poi, due magiche fatine Mulino Bianco distribuivano delle bacchette magiche luminose... (bellissime, ma a rischio epilettico) e, infine, durante lo spettacolo stesso il richiamo palese, ma non fastidioso, ai prodotti Pan di Stelle era continuo.
Le musiche sono straconosciute, ma forse meglio così perchè essendo conosciute la partecipazione e i cori del pubblico sono assicurati; la storia è quella, fedelissima al cartone e altrettanto fedele al cartone la scenografia: grandiosa!

Io ne sono uscita entusiasta, ma se volete andare a vederlo vi consiglio di armarvi di pazienza perchè sarete circondati da bimbi impazziti; RISCOPRITE IL VOSTRO SPIRITO BAMBINO E NON ABBIATE PAURA DI ALZARVI IN MEZZO AL TEATRO E URLARE "IO CREDO ALLE FATE!".

domenica 4 novembre 2007

Fine del sondaggio: fatevi una visita dall'oculista!

Halloween è passato e direi per fortuna! Tutto sto spirito nero di cui ho riempito il blog mi sa che mi ha portato sfiga; comunque il mese è finito e dopo un lungo ponte si ricomincia.

Vorrei spendere 2 parole sul sondaggio, che come molti sanno è partito da un'inaspettata quanto innocua considerazione della Manu "è decisamente più vecchia la mora!" (parole giustificate dalla situazione festosa percui eravamo tutti un po' brilli e poco attenti).
Il 63% dei votanti ha dichiarato che è più vecchia la mora, ma non vale perchè l'avete fatto apposta e comunque io sono superiore a queste vostre illazioni, non mi tange il risultato!
Tra l'altro devo ammettere che la foto che ho cariacto era un po' fuorviante, era la sera di capodanno, io ero tutta in tiro, le luci erano decisamente sbagliate... insomma, non che mi interessi, ma volete riprovare? Chi è più vecchia la mora o la bionda?


"così diversamente uguali / litigi amorosi / purezza nei tuoi occhi (...)"