lunedì 29 ottobre 2007

Fascino perverso dei VAMPIRI

Storie di vampiri o non morti (Nosferatu) si raccontano un po' ovunque fin da prima del medioevo, ma il vampiro più famoso Dracula, protagonista di omonimi film, prende spunto da un personaggio realmente esistito.

Vlad III, principe di Valacchia fino al 1472, è un personaggio storico noto per la sua abilità polilitica e militare (soprattutto nelle guerre contro i Turchi) e per la sua leggendaria crudeltà. In una sola notte avrebbe fatto impalare 20.000 prigionieri e, per questo fu conosciuto come Vlad Tepes, che vuol dire Vlad l'impalatore. Queste efferatezze, unite al fatto che di Vlad non si trovò mai la tomba, creò nella mente di Stoker (a quanto pare, in un sogno pieno di incubi) l'associazione con i vampiri.
Il padre del Principe, Vlad II, era stato cavaliere dell'Ordine del Drago, per cui Dracul, che in Rumeno significa Drago. http://it.youtube.com/watch?v=Xw2-ZMhxTUs

Storie di vampiri si narrano anche dalle nostre parti.

In Istria un certo Jure Grando, un contadino del paese di Corridico morto alla metà del Seicento, tornò più volte a terrorizzare il borgo. La moglie se lo ritrovò improvvisamente nel letto, dieci anni e più dopo la sepoltura.
Comparve al parroco, che tentò inutilmente di esorcizzare il morto vivente, e a diverse persone del paese.
Terrorrizzava le notti dei contadini perché improvvisamente bussava ad una porta e, poco dopo, una persona in quella casa moriva.
Ossessionati dall'incubo, una notte del 1672, i paesani si mossero in gruppo e riesumarono il cadavere maledetto. Questo appariva non decomposto e sorridente. Si tentò di spaccargli il cuore con un palo di biancospino, ma non si riuscì. Finalmente un uomo trovò il coraggio di decapitare il vampiro. Sgorgò molto sangue e il paese ebbe finalmente pace.
Il racconto è di Johann Weichard von Valvasor, scrittore e artista di Lubiana, contemporaneo dei fatti narrati. Il resoconto è dettagliato e dà i nomi dei protagonisti. Ivana era la moglie di Jure; Stipan Milasich colui che lo decapitò.

In Puglia nel 2002 ricerche archeologiche portarono alla scoperta di strane sepolture nelle vicinanze di Trani, la città pugliese soprattutto nota per la sua grandiosa cattedrale. In località "Capo Colonna" si trovarono due sepolcri (databili IX-VIII seolo. a.C.) con i resti di persone sepolte - 4 in tutto - in maniera insolita. Non cè la deposizione rannicchiata, tipica della Magna Grecia, ma cadaveri inginocchiati con un masso sopra le spalle.
Il fatto si ritrova in culture diverse dalle nostre e ricorda la paura del ritorno dei morti. Il macigno sulle spalle avrebbe la funzione di immobilizzare il defunto e bloccare tentativi di uscita dalla tomba.
Curioso il fatto che, proprio a Trani, era stato scritto uno dei primi trattati sui vampiri nel 1740 dall'arcivescovo della città, Giuseppe Davanzati.
Parlò della sete di sangue dei morti, del palo per spaccare il cuore, dell'aglio che tiene lontano il non morto o Nosferatu.
Il manoscritto, pubblicato postumo alcuni anni dopo, piacque particolarmente al Papa Benedetto XIV, che ne fece inviare copia a diverse biblioteche europee.

Nella leggenda c'è anche una mezza verità. Una strana patologia (la porfiria) dà manifestazioni simili al vampirismo e peggiora se il malato mangia aglio.

Volendo dare un'interpretazione psicoanalitica al mito dei morti viventi o zombie, vi è la paura il monito cattolico del diavolo tentatore e del seduttore tenebroso. C'è anche l'allusione ad un sesso perverso e violento, inquietante ed eccitante allo stesso tempo. (http://www.vampiri.net/)


venerdì 26 ottobre 2007

Finalmente Weekend!

Finalmente la settimana è finita, è arrivato il tanto atteso weekend e domani posso dormire!
Intanto stasera esco e non per andare a danza, ma esco con le amiche: FESTA ERASMUS AI PIOMBI (UD), ovviamente per chi fosse nei paraggi fate un salto!

mercoledì 24 ottobre 2007

Un giorno finisce...

Ascolto Tiziano Ferro mentre si conclude un'altra giornata e mi piace sentire quella morsa allo stomaco come quando quindicenne mi struggevo di un amore sempre poco corrisposto, in realtà non smetterò mai, spero, di essere innamorata...della vita! Perchè "gioia e dolore hanno lo stesso sapore"... http://it.youtube.com/watch?v=776rIpMQ6YI

martedì 23 ottobre 2007

DOTTOR MARIO!



Per chi non c'era ecco un primo assaggio della giornata (prego notare l'occhio calante!), in attesa che Cristian ci mandi il book professional!
http://picasaweb.google.com/marilenantonini/LaureaMario
Sempre per chi non c'era o semplicemente per chi si vuole fare 2 risate, vi siete persi: ceretta su petto e cosce, travestimento da guru tibetano misto travestito mal vestito, schiuma da barba e rigurgitino a fine papiro; ciliegina sulla torta che i più si sono persi, prima di andare al ristorante siamo andati a casa a lavarlo, ma abbiam sbagliato strada (difficile arrivare dall'università al coroneo con la 17 dopo 6 anni di vita triestina...) e in stazione stavam per perdere il bus quando...mario travestito si è gettato in mezzo alla strada V.le Miramare e ha fermato il bus!

Si vede che è dottore!

martedì 16 ottobre 2007

venerdì 12 ottobre 2007

...Come la Stella Antares: sola in cielo ma luminosa e splendente...

E' davvero bello iniziare la giornata con una frase così e ancora più bello è che non me l'ha detta il mio ragazzo o uno sposimante segreto, ma un mio collega di lavoro (nonno Franco).
Ciò che mi colpisce è proprio l'affetto disinteressato e la gentilezza gratuita del gesto, una parola dolce così come le caramelle all'orzo tutti i pomeriggi; mi viene quasi da piangere...
E' difficile, in questo mondo brutto e cattivo, trovare delle persone buone e poi stando fuori casa mi manca tanto il mio papino ...





Antares (detta anche Alpha Scorpii o Calbalacrab, più vari altri numeri di catalogo) è una supergigante rossa situata nella costellazione dello Scorpione.
Come fa intuire la classificazione supergigante, Antares è una stella di dimensioni enormi: il suo diametro è circa 500 volte più grande di quello del nostro Sole e, nonostante la bassa temperatura e la grande distanza (600 anni luce), è una delle stelle più brillanti del cielo.
Il suo nome deriva dal greco e significa rivale di Ares (anti-Ares) o "simile ad Ares", probabilmente a causa del colore rossastro simile all'aspetto del pianeta Marte. È anche nota come cuore dello Scorpione, data la sua posizione nella costellazione e il suo colore.
Il suo colore distintivo ne ha fatto un oggetto di grande interesse per molti popoli nella storia. Molti dei templi egizi erano orientati con Antares, la stella era una delle quattro "stelle regali" dei Persiani (insieme a Aldebaran, Regolo e Fomalhaut), alcuni scrittori affermano che c'è un riferimento ad Antares anche nella Bibbia, nel libro di Giobbe.


(www.wikipedia.org/wiki/antares, http://digilander.libero.it/andromedda/Stelle%20e%20Costllazzioni%20-%20Antares.htm)

martedì 9 ottobre 2007

Uno, Nessuno e Centomila

Mi è stata fatta notare, con discrezione, la poca serietà di questo blog; certo capisco lo sgomento di chi accedendovi per la prima volta si è trovato in copertina Britney, ma anche le cose apparentemente più frivole nascondono grandi verità.
Ci tengo a precisare che questo nasce come mio diario personale, un'occasione di sfogo e confidenza, uno strumento di comunicazione diretta con gli amici; ci tengo comunque a cogliere la provocazione e proporre, almeno sta volta, qualcosa di più costruttivo.
Mi sono scervellata a lungo sulle tematiche da affrontare e alla fine ho deciso di prendere spunto da un suggerimento che viene sempre dal mio weekend romano.
Mi è stato fatto notare come io possa assumere caratteri e umori diversi a seconda delle persone e delle situazioni, definendo il mio modo di essere "pirandelliano"; tale considerazione nasceva credo come critica, invece devo dire che è stata accolta come grande complimento.
Innanzitutto per la grande stima che nutro nei confronti dell'autore e secondariamente per il significato letterale e letterario dell'espressione.
Assolutamente vero: sono una ragazza dalle mille personalità, adattabile ad ogni situazione umana e pratica, eclettica negli interessi e nelle amicizie, Uno Nessuno e Centomila!
Ma è un difetto? personalmente non credo! Ogni giorno ciascuno di noi si trova ad affrontare situazioni e persone diverse e la capacità di mettersi in relazione con esse nasce dalla conoscenza pregressa che si ha dell'altro; sviluppare simpatia ed empatia significa riuscire a riconoscere nell'altro, nel diverso, qualcosa che ci appartiene: un'idea, un carattere, un'esperienza. Il fatto di avere insito in sè stessi una molteplicità di caratteri non diluisce la forza dell'io personale, a mio avviso piuttosto lo rafforza riconoscendo una maggior capacità relazionale e critica; con ciò non intendo certo affermare la superiorità del mio carattere, quanto fornire degli spunti di apprezzamento nei miei confronti e utilizzare il caso specifico come pretesto per esprimermi a livello più generale e generalizzato.
Tornando a Pirandello, anche se in realtà non ci siamo mai discostati, un'altro concetto che condivido e credo di aver interiorizzato è l'ironia: l'ironia è un complesso strumento di interpretazione e rappresentazione della realtà, attraverso il quale esorcizzare le debolezze e le disavventure, dunque, una modalità di espressione e dimostrazione del proprio acume mentale.
L'ironia non è la barzelletta o la storiella fine a sè stessa, l'ironia è l'espressione di una realtà compresa, condivisa e rielaborata in modo semplice ed efficace; il sorriso che ne deriva, per le menti aperte che risultano in grado di comprenderne le dinamiche, non è sintomo di leggerezza, ma di intesa.
Sulla base di queste premesse, ciò che scrivo qui non ha la pretesa di porsi come chiave di lettura dei massimi sistemi della realtà, ma certo si tratta di ironici spunti di riflessione sulla mia realtà.
Lungi da me l'intenzione di porre dei limiti alle critiche o alle tematiche, ma ho voluto argomentare le mie scelte "editoriali" e sfruttare l'occasione per spendere qualche parola e qualche pensiero sul mio amato Pirandello.



"6 personaggi in cerca d'autore" Atto I

NOTE: scontata Britney? La riproposizione del suo primissimo video, stile brava ragazza di sani principi, di contro alle immagini di degrado degli ultimi giorni dovrebbe far riflettere; personalmente mi spaventa osservare i modelli che il jet set ci propone, prendere atto dei criteri di merito che si stanno diffondendo. Per quanto riguarda, poi, il post precedente, non è affatto carino vivere una situazione di insicurezza e inadeguatezza come quella da me citata...

martedì 2 ottobre 2007

Voglio tornare a scuola

IL MIO PEGGIOR INCUBO!!!

Oggi è stato un incubo; tornando a lavoro, ignara di quello che mi attendeva, ho vissuto uno dei miei peggiori incubi...
L'autobus che ho preso per tornare in ufficio dopo pranzo è sempre pieno di studenti, che strillano e si fanno i dispetti; in realtà un po' li invidio perchè anch'io vorrei stare lì con loro a guardare i maschietti e fare la smorfiosetta (quello che faccio anche adesso praticamente, solo che a 16 anni si è giustificati).
A volte poi un po' mi dan fastidio perchè fan casino e penso che io non ero così stupida (e invece sì ero/sono anche peggio).
Il disastro è che sta volta, circa all'altezza della Illy, mi sono accorta che c'erano SOLO PISCHELLI!!! Un autobus pieno di pischelli!!!
Io l'unica bambina grande, solo che in mezzo a tutti quei pischelli, che mi chiamano signora e mi danno del lei, mi son sentita vecchissima.

Quello che mi sconvolge è che io sono anch'io sono una pischellina, non si vede?!
Ho preso una decisione: da domani felpetta yo yo, bugnigolo di fuori (così rimango bloccata con la schiena) e scarpe da ginnastica da skater TAKE IT EASY!

Però mi sento tanto vecchia...meno male che a lavoro son tutti più vecchi di me!

lunedì 1 ottobre 2007

Festa Festa Festa!!!!

Questo weekend appena conclusosi è stato decisamente impegnativo: sabato ho passato circa 3h, di seguito, al telefono ad aggiornare le mie amiche sulla mia vita e viceversa; sabato sera a TS c'era il mercato dell'artiginato europeo e non poteva mancare un giretto con puntatina al chiosco dei wurstel e stinchi tedeschi (con birrozza), tra l'altro ho anche incontrato un mio collega che mi ha confermato quanto meglio si sta in Fidema senza di me! (solo perchè c'era la morosa e si vede che aveva paura di far brutte figure...); domenica poi son rimasta chiusa in ascensore e una volta fuori son dovuta rientrare a Cividale perchè c'era lo shopping day, purtroppo come al solito io non ho comprato niente ma (grande giogia di mia mammma e dell'ottica) ho cambiato gli occhiali!
Ordunque è arrivato il lunedì e si torna a lavorare.........NO!!!! Io oggi non lavoro! e neanche GIOVEDI' nè VENERDI'!!!! Devo andare a farmi bucherellare in ospedale; ma volete mettere la goduria di iniziare ottobre con un lunedì di ferie? Son talmente contenta che quasi quasi prossima settimana vado a donare il sangue...

Beh morale della favola BUON LAVORO A TUTTI QUELLI CHE OGGI LAVORANO, IO NO!